READING

Vicinanza di Sicurezza – a colpi di flash

Vicinanza di Sicurezza – a colpi di flash

Vicinanza di Sicurezza è un grande progetto che comprende tre laboratori. È rivolto ai ragazzi e alle ragazze della scuola superiore (14-18 anni) ed è finanziato dal Dipartimento per le politiche della famiglia.
Questo progetto nasce dall’idea progettuale della Cooperativa Comin e B-Cam, e la collaborazione di Codici Ricerca e Intervento, dellAssociazione Apis e noi, 8pagine freepress.
Il titolo di questo progetto racconta i temi su cui vogliamo porre l’attenzione: spazio, corpo e relazioni.
Stiamo vivendo in un periodo che ci chiede di cambiare le abitudini e le modalità di relazione a cui eravamo abituat*. Vogliamo quindi comprendere i ragazzi e le ragazze valorizzando il loro lato artistico.
Sul nostro sito parleremo di tutti e tre i laboratori
.

Il terzo laboratorio di cui parleremo è: fotografia.

Si svolge, come tutti gli altri laboratori, presso lo Spazio LaGobba, in via Padova 355, ogni martedì.
È iniziato a metà aprile ed è stato seguito da Alessandro Brasile, fotografo e direttore del docu-film Fashion Victims.
I primi argomenti affrontati sono stati l’inquadratura, a partire dal racconto Inez, l’isola dei tartufi di Bruno Munari, contenuto in Fotocronache e la percezione del tempo tramite la visione di un racconto per immagini fotografiche: “As time goes by” di Lek Kiatsirikajorn.

Si è parlato poi del concetto di scala, intesa come fattore di ingrandimento, dato che le immagini non sono la realtà ma semplicemente una riproduzione; i/le ragazzə hanno visto dei lavori dei fotografi italiani Ugo Mulas e Luigi Ghirri e La trahison des images di Magritte.

La trahison des images

Successivamente hanno parlato di ‘mappe’ reali e/o immaginarie: cosa sono e il loro modo di rappresentare lo spazio.
In quell’occasione hanno letto un frammento di J.L. Borges, Storia universale dell’infamia.
La visione è andata oltre, fino a toccare il mondo del virtuale, portandoli a vedere “A new American Picture” di Doug Rickard.

Il lavoro è proseguito con particolare riguardo alla fotografia di paesaggio, inteso anche come paesaggio interiore o proiettivo, vedendo alcuni lavori di autori: Penisola delle figure di Giovanni Chiaramonte e Equivalents di Alfred Stieglitz.

All’appuntamento finale, hanno parlato di archivio e dei molteplici significati che questo termine porta con se, e hanno analizzato alcune foto paesaggistiche.

I/le corsistə hanno svolto diverse esercitazioni pertinenti il percorso, in autonomia e accompagnati producendo anche scritti.

Nel video sottostante, sarà possibile vedere l’ultimo incontro.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI