Anche il pallone contro i razzismi

È il 21 marzo 1960. Siamo a Sharpeville, in Sudafrica.
Sono da ormai 12 anni che il National Party ha istituito la politica dell’apartheid in questo paese.
Il Pan Africanist Congress (PAC) ha organizzato una manifestazione per protestare contro il decreto governativo dello Urban Areas Act, informalmente chiamato pass law (“legge del lasciapassare”): i cittadini sudafricani neri devono presentare un permesso speciale nel caso vengano fermati in un’area riservata ai bianchi.

Circa 5000-7000 persone si son presentate davanti alla stazione di polizia. Gli agenti, senza esitazione, hanno aperto il fuoco uccidendo 70 persone, tra cui anche donne e bambini.

45 anni dopo, nel 2005, l’ONU dichiara il 21 marzo “Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale”.

Dal 2003 è attivo un organo dello stato italiano conosciuto come UNAR (“Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali”) che ha la funzione di promuovere la parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica.

L’UNAR e la Lega Serie A promuovono il “Keep Racism Out”, una campagna che ha l’obiettivo di combattere ogni forma di discriminazione nel calcio attraverso numerose iniziative.

Sono 20 i club che partecipano e supportano questa campagna.

Il 17 marzo, è stato pubblicato sul canale YouTube della Serie A lo spot contro il razzismo Keep Racism Out, in cui hanno partecipato 20 giocatori, uno per ogni club sostenitore.

La Lega Serie A ha dedicato il periodo dal 19-21 marzo, ossia la 28esima giornata della Serie A 2020/2021, interamente a questa campagna.
Tutti i calciatori hanno indossato sulla manica destra della propria maglia la patch Keep Racism Out”, mentre i capitani anche una fascia dedicata all’iniziativa.
Infine, al termine della gara (oggi), allenatori e calciatori che si presenteranno ai microfoni per le interviste di rito, porteranno sulla propria giacca l’adesivo “Keep Racism Out”. Anche nel videogioco FIFA 21 sono sbarcati i kit dedicati a questa campagna.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI