READING

Ma perché l’enciclopedia delle donne ha voluto far...

Ma perché l’enciclopedia delle donne ha voluto fare 8pagine?

Perché noi che curiamo enciclopediadelledonne.it consideriamo le nuove generazioni la parte più preziosa della umanità. Eppure ci sembra non siano una priorità dei media né della politica istituzionale né dell’economia. Non abbastanza.

Perché degli adolescenti, ragazze e ragazzi – proprio come accade spesso alle donne – si parla troppo spesso per generalizzazioni, il che è abbastanza antipatico, perché a nessun* piace essere infilat* in una “categoria”. Siamo un po’ allergiche agli stereotipi, sappiamo per esperienza quanto siano insidiosi. 

Perché facendo l’enciclopedia abbiamo imparato che quello che va bene per le donne va bene per tutt* e questo vale anche per le nuove generazioni: se va bene per i ragazzi e le ragazze va bene per l’intera comunità. Tutto sta capire che cos’è questo “bene”: per noi è il rispetto, la libertà, lo spazio, la tutela delle risorse future, la tutela della salute, il diritto alla felicità autentica e ad amare chi si vuole, il diritto di decidere della propria vita e di cambiare, il diritto di vivere secondo i propri principi e di seguire le proprie vocazioni e attitudini.

Perché se non fosse a disposizione delle nuove generazioni, enciclopediadelledonne.it avrebbe poco senso. La storia è davvero una grande Maestra e può aiutare a riconoscere la propria strada attraverso il confronto con le vite di altre donne e altri uomini e i contesti nei quali hanno vissuto.

Infine, facciamo 8pagine perché ci piace incontrare ragazze e ragazzi da pari a pari, fare insieme senza gerarchie, ognun* portando quello che è, quello che sa, quello che pensa, quello che sente. Per noi generi e generazioni devono andare insieme, con allegria, curiosità, rispetto e amicizia.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI