Il grande protettore marino

Le nuove tecnologie e l’amore per i mari hanno dato vita ad un gigante marino: la Manta.

Ogni minuto, 17 tonnellate di rifiuti riempiono il mare; circa 10-12 milioni di tonnellate all’anno.
Dall’idea di Yvan Bourgnon, velista franco-svizzero, nasce la Manta: un catamarano che prende la forma dell’omonimo animale.

Così come una manta si nutre filtrando l’acqua degli oceani, l’imbarcazione “ingerirà” i rifiuti marini che trasformerà in energia.

I rifiuti verranno raccolti per mezzo di nastri trasportatori e suddivisi a seconda della loro tipologia:
– Il vetro e metalli verranno rispediti sulla terraferma per essere riciclati
– Il materiale organico verrà ributtato in mare
– La plastica verrà ridotta a piccoli pezzi che saranno spediti in un macchinario il quale, tramite la pirolisi e delle turbine, trasformerà il neo-gas sintetico in energia

La Manta sarà provvista anche di turbine idrauliche, pannelli fotovoltaici e turbine eoliche.

Nel caso dovessero presentarsi tratti più stretti, il compito di raccogliere i rifiuti (fino ad un massimo di tre metri cubi) sarà affidato a due Mobule, due imbarcazioni di dimensione inferiori.

La Manta non sarà pronta entro il 2024.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI