READING

Hai visto questo film? Freedom Writers

Hai visto questo film? Freedom Writers

TITOLO: Freedom Writers

GENERE: Drammatico

ANNO DI USCITA: 2007 (Stati Uniti)

DURATA: 123 minuti

TRAMA:
Il film è tratto da una storia vera. La professoressa Erin Gruwell è agli inizi della sua esperienza professionale. Le viene affidata la classe “peggiore”, ma in quanto insegnante è decisa ad unire i suoi alunni.
Siamo nel 1994, a Long Beach in California; l’intera città è piena di gang rivali e ragazzi e ragazze della classe ne fanno parte: bianchi, neri, asiatici e latini, ognuno occupa uno spazio preciso e dal minimo contatto può scaturire violenza e a volte morte.

La professoressa Gruwell riesce a coinvolgere tutt* con giochi e strategie di coinvolgimento, paragonando la loro situazione a quella dell’Olocausto: la gang più forte avrebbe fatto qualunque cosa per essere la più forte, anche a costo di sterminare tutti.
Questo metodo di insegnamento è un po’ controverso, e suscita discussione fra gli/le altr* insegnanti e le autorità scolastiche. Gruwell organizza gite, brindisi e allieve e allievi si cimentano per la prima volta nella lettura: leggono “Il diario di Anna Frank e riusciranno a contattare Miep Gies, la signora che l’aveva nascosta.

Erin non si limita a insegnare, ma anche a conoscerli: a metà percorso, a* ragazz* viene chiesto di scrivere giornalmente sul loro diario; citazioni, pensieri, canzoni, poesie, passato, presente e futuro.
Da questi loro racconti, verrà scritta la raccolta The Freedom Writers Diary, pubblicata nel 1999.

La professoressa Gruwell circondata dagli alunni dell’aula 203 (2007, in occasione del film)

PENSIERO:
È uno dei film che mi è rimasto più impresso nella testa. Non è fantascientifico, di avventura o fantasy.
È tratto da una vera esperienza e ciò lo rende più reale ed emozionante, più vicino a noi.
Tratta di tematiche conosciute a tutti: i problemi de* ragazz*, l’indifferenza degli adult*, il razzismo.
Parla di student*, scuola e del rapporto fra alliev* e insegnanti ; è uno di quei film da guardare assolutamente durante le lezioni.

“Quando sei morto guadagni rispetto? Ma sai cosa succederà? Che marcirai sottoterra mentre gli altri continueranno a vivere. Non una sola persona vorrà ricordarsi di voi perché l’unico ricordo che avete lasciato al mondo è questo”.
EG

La professoressa paragona il ritratto fatto al compagno alle vignette antisemite

 


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI