READING

Gitanjali Rao, la “Ragazza dell’anno”...

Gitanjali Rao, la “Ragazza dell’anno”

È da ben 92 anni che il settimanale americano “Time” nomina la “Persona dell’anno”: colui, colei o coloro che hanno avuto più influenza nel mondo durante i 12 mesi precedenti.

Può essere nominato infatti un gruppo di persone (come, ad esempio, le Silence Breaker e il loro movimento Me Too del 2017), un oggetto (il PC nel 1982) o un concetto (come l’Occupy Movement, un movimento di protesta internazionale del 2011).

Nel 2019 Greta Thunberg, attivista svedese è la prima ragazza under-25 a ricevere tale nomina.

In collaborazione con Nickelodeon, è stata nominata per la prima volta in assoluto la “Ragazza dell’anno” ( 8-16 anni) per dare importanza alle giovani generazioni dato che saranno proprio loro a plasmare in futuro il nostro mondo.

Gitanjali Rao, cittadina americana quindicenne di origini indiane che vive a Denver, in Colorado, è entrata tra i 5 finalisti selezionati da una giuria di giovan* coordinata dal presentatore televisivo Trevor Noah.

Sono arrivat* in finale anche:

  • Tyler Gordon, 14 (San Jose, California)
    È un ragazzino nato sordo che è stato bullizzato a causa della sua balbuzie.
    Con la morte di George Floyd e il movimento BLM, Tyler ha usato la sua voce per sensibilizzare le persone sulla brutalità della polizia.
  • Jordan Reeves, 14 (Columbia, Missouri)
    È una ragazzina il cui braccio sinistro ha smesso di crescere dopo il gomito. Questa sua disabilità l’ha portata a sviluppare una passione per il design: dalla creazione di un prostetico spara-glitter alla nascita di “Make Just Right” e “Born Just Right”, un’organizzazione no-profit il cui obiettivo è quello di creare soluzioni innovative per rendere più felici i bambini con disabilità.
  • Bellen Woodard, 10 (Leesburg, Virginia)
    È una ragazzina che si definisce attivista pastello.
    Bellen ha lanciato il progetto “More than peach”: un set di 12 pastelli color pelle, in modo che non ci siano discriminazioni.
    Ps. con “Peach” si intende il color “Rosa pelle
  • Ian McKenna, 16 (Austin, Texas)
    È un ragazzo che ha promosso gli orti condominiali come modo di provvedere a sé e a chi ha bisogno. Ha convinto la sua scuola a ritagliare uno spazio dedicato a questa attività. Sono passati ormai sette anni e ora il progetto “Giving Garden” comprende altre quattro scuole e ha distribuito più di 9000 kg di ortaggi.
    Durante la pandemia ha distribuito (e distribuisce tutt’ora) 100 pasti nei fine settimana a chi ne aveva bisogno.

Ma cosa ha permesso Gitanjali Rao di vincere?

Dopo la crisi dell’acqua di Flint del 2014 (l’acqua potabile della città era contaminata dal piombo), Gitanjali ha sempre voluto trovare un modo per misurare velocemente e precisamente la quantità di piombo contenuta nell’acqua.

Con l’aiuto di un ricercatore di 3M Company mette a punto TETHYS, apparecchio dotato di tecnologia Bluetooth con un piccolo processore, una batteria da 9 volt e un’unità per il rilevamento del piombo.

L’uso scorretto delle parole e delle azioni possono produrre effetti negativi, come ad esempio il cyberbullismo.
Gitanjali crea un’app chiamata KINDLY che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale in grado di individuare parole che potrebbero suonare minacciose o offensive quando si scrive un messaggio.
Questa app vuole aiutare i giovani a sviluppare una piena consapevolezza del valore delle proprie azioni e dell’importanza delle parole.

«Il mio obiettivo non è solo inventare qualcosa per risolvere problemi, ma anche essere da esempio per gli altri. Se io lo posso fare, tu lo puoi fare»


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI