Dentro una parola. 3 METODO

“Metodo” è una parola che amo. Viene dal greco “metá” che vuol dire “dopo” e “odós” che vuol dire “strada”. Il greco antico è una lingua piena di sfumature attraverso la quale uomini e donne del passato hanno potuto dare forma a pensieri anche complessi e che, a prezzo di qualche ambiguità, ci ha lasciato in eredità parole belle come questa.

Il metodo è perciò una strada, un percorso alla fine del quale ottieni un risultato, un sentiero che ti fa arrivare da qualche parte. 

Nell’idea del percorso e in questo “dopo” (dove c’è l’ordine e c’è il tempo) c’è anche l’idea che questo percorso va fatto un passo dietro l’altro, con ordine, perseguendo quell’obbiettivo che ti sei post* quando hai cominciato a camminarci. Non puoi, per esempio, avviarti su sentiero che porta al punto “x” e ad un certo momento, inerpicarti per un’altra stradina laterale e poi magari seguirne un’altra e un’altra ancora… o addirittura cambiare obbiettivo in corsa. O meglio, puoi anche farlo, sono affari tuoi, alla fine, ma in questo caso sfuma la garanzia del raggiungimento dell’obbiettivo posto all’inizio.

Un metodo è un processo ordinato e consapevole. La riflessione su questa parola è stata fondamentale nella storia del pensiero e si è trasformata nei secoli. Oggi è associata soprattutto alla scienza. Il metodo scientifico, possiamo dire in sintesi, è una procedura sistematica e fondata su dati e prove che ci porta da qualche parte.

Nella scienza come nella vita quotidiana uno degli esempi più efficaci dell’applicazione di un metodo secondo me è quella che possiamo chiamare la procedura del “sanatore della differenza”. Ci serve in qualsiasi caso in cui dobbiamo trovare una spiegazione a un fenomeno per poi poterlo governare. In pratica: mettiamo che nel momento t1 abbiamo una lampadina spenta e che nel momento t2 abbiamo una lampadina accesa. Nei pressi abbiamo un interruttore che può assumere diverse posizioni. La differenza tra lampadina spenta e accesa possiamo “sanarla”, spiegarla, con la posizione diversa dell’interruttore. Elaborata questa teoria la possiamo mettere alla prova: se premo l’interruttore la lampadina si accende? Sì? Allora è l’interruttore che fa accendere la lampadina. No? Allora deve essere qualcos’altro…. E mi rimetto alla ricerca di una nuova teoria. Da piccoli facciamo così a scoprire come muoverci nel nostro ambiente. Un piccolo essere umano usa lo stesso metodo della scienziata e dello scienziato, fatte le debite proporzioni.

A me piace pensare che nella nostra vita quotidiana sia bello e utile applicare un metodo. L’obiettivo e le tappe le stabilisci tu, ma se procedi in modo sistematico sai che arriverai da qualche parte, magari il risultato poi può anche essere un errore (non è quello l’interruttore che accende quella lampadina), ma anche in questo caso, se avrai messo con ordine, uno dopo l’altro, i tuoi passi saprai che la tua valutazione era errata e saprai quindi, semplicemente, che devi prendere un’altra strada.

Descartes, un filosofo francese del Seicento, scrisse un libro Il discorso sul metodo, il cui sottititolo è: “per ben condurre la propria ragione e trovare la verità nelle scienze”.

Ora io non penso che l’obiettivo sia “trovare la verità”, o meglio avrei mille cose da ridire su quel concetto di “verità” (ma la cosa andrebbe per le lunghe), quello che mi sembra interessante di questo sottotitolo è quel “per ben condurre la propria ragione”.  “Ben condurre” la nostra ragione, uno degli strumenti più potenti che abbiamo, può portarci molto lontano.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI