Bentornati Fridays

Un appuntamento e un successo planetario il ritorno  dei Friday For Future. Due anni di pandemia non ne hanno intaccato entusiasmo, determinazione, energia: le piazze in Italia e nel mondo si sono di nuovo riempite di quella giovane forza dirompente che  ha messo definitivamente in cima all’agenda mondiale la crisi climatica. Nei tanti mesi costretti a uno schermo non hanno smesso di informarsi, comunicare, confrontarsi, dimostrando di essere ancora presenti e vigili. Il messaggio che scuote i grandi all’azione si è arricchito della consapevolezza profonda  che la crisi climatica è strettamente legata a quella sociale: ecco che accanto agli slogan di sempre. ” “ Non abbiamo un pianeta B”, “ Cambiare il sistema, non il clima” ” Fatti, non parole”,  sono diventati centrali  “Fate pagare la crisi ai ricchi”, “Giustizia climatica e giustizia sociale”. 97 paesi, 1155 città,  i partecipanti totali, e che abbiano superato o no il mezzo milione previsto, poco importa. Il mondo il 24 settembre 2021 è apparso più bello. La forza più preziosa che abbiamo si è resa visibile e scuote le coscienze e mette i grandi di fronte alle loro bugie e incapacità. Le conferenze sul clima, come quella di Glasgow imminente, non sono più le stesse  da quando, grazie a Fridays, il re è nudo. Lo stesso Draghi ha ammesso all’assemblea dell’ONU che bisogna dire definitivamente basta ai combustibili fossili.
E adesso una settimana di preparazione importante a Milano con il Pre-Cop26–, il summit delle Nazioni Unite ospitato a Milano da martedì 28 settembre a sabato 2 ottobre, in preparazione della Conferenza delle Parti sui cambiamenti climatici prevista per Novembre a Glasgow.


Bentornat* ragazz* quindi, ne avevamo davvero bisogno.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI