A Genova dopo vent’anni

Dopo vent’anni dalle contestazioni agli 8 capi di Stato che si riunirono a Genova e che non volevano prendere in considerazione i temi di crisi del mondo, che oggi sono diventati prioritari per tutti, come l’ambiente, la finanza delle grandi multinazionali, la qualità del cibo e il suo giusto valore, le guerre devastanti che producono più povertà e quindi maggiori migrazioni; ci siamo ritrovati a Genova per discutere e fare un bilancio di quanto è avvenuto in questi anni.

Tante persone. Tanti incontri e dibattiti anche internazionali, mostre e materiali, persone rincontrate, gli abbracci e la consapevolezza di parlare ancora gli stessi linguaggi per declinare nuovamente i problemi di allora con la realtà di oggi.

Nel 2001 avevamo ragione a pretendere ascolto e la durissima repressione sui partecipanti alle iniziative di quei giorni, che culminò con la morte del giovane Carlo Giuliani e le violenze inaudite operate su ragazzi che dormivano nella Scuola Diaz o trascinati nelle caserme, ci dicono che i potenti della Terra temono spesso i movimenti che propongono idee di uguaglianza, di rinnovamento e di giustizia. In questi giorni genovesi la presenza di tant* ragazz* ai diversi momenti di incontro fanno sperare che le nuove generazioni siano pronte a costruire un nuovo mondo.

Rossella Traversa con accanto Michele Rech alias Zero Calcare

[Immagine in evidenza: Il Manifesto]


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

INSTAGRAM
INCONTRIAMOCI ANCHE QUI